Au seuil du paradis – 2011

E NON SO

La tua voce
È la poesia più bella

Ti dipingo nell’aria
E sei cielo
Sei Stella

Seppelliscimi nel tuo fuoco
Depreda le mie occulte lacrime

Perdona il vortice della mia gioia
Ma la notte aspetto il giorno con te nella mente

E non so
Se rimanere sveglio a pensarti
O dormire per sognarti

.
TU DONNA

Tu Donna
Sorgente di vita
Scorri nelle mie vene
Lampo di luce nell’ombra

Al pensiero di Te
Muoio vivendo e rinasco
Mietendo crepuscoli
Accompagni i miei giorni
Altare-offerta-libagione
Di sogni infiniti

IL VERO AMICO

Il vero amico
Sa ascoltare il tuo silenzio

Accoglie dentro di sé
Le emozioni che ti scuotono

Avvolge la tua quotidianità
Ed è lì, come un riflesso fermo sul vetro
A ricordarti che c’è

Quando scende la penombra
che la tua anima annienta
E’ con te
E carica il tuo peso sulla sua china schiena

Il vero amico
E’ un angelo che ti dona le sue ali

DUE ALI

Due ali
per raggiungere il cielo

Per disertare dalla fabbrica delle idee
e baciare l’eternità

Per incontrare gli occhi tuoi
e custodirli
ai margini della memoria

Sarei ombra
vibrante nella notte
più in alto del giorno
e non ci sarei che per te

Due ali
per accarezzare il vento
e là dove si è ritirato il mare
con gli occhi chiusi
ti osserverei
stringentoti tra le braccia
e ruberei agli angeli il sorriso
per darlo a te

Anche le notti senza luce
saranno giorni di sole
il destino un sentiero
e danze di fiori
fra silenzi e lacrime di gioia

Je m’abandonne à Toi

Je n’aime que Toi
Etoile de mon cœur
Abillée d’oranges en fleur
Toute dénuée
Souriante et spontanée
Comme l’eau coulante
Ruisselante de fraicheur

Je n’aime que Toi
Parce que c’est Toi
Que je serre comme l’espoir
Prends ma main
Je te suivrai partout
Je m’abandonne à Toi

Ivre de Toi

De ce désir eternel
Qui m’enchaîne
Frémissant
Aux battements des ailes

De toutes les merveilles
Tu monopolises mon esprit
Chant mélodieux
Dans un tourbillon de folie

Tes pensées sont les miennes
Tes rêves débordent de douceur
Comme l’émotion
d’un platane rouge en fleur

Océan de chaleur

J’ai tant de choses à te dire
Même après chaque coup de fil
Que je n’arrive plus à retenir
Mais quand j’y essaye
Les mots s’écoules
Et s’en vont
Comme une fumée
Ils évaporent

Piégés dans les moindres
Coins du cri de mon silence
Engloutis dans l’espace
Et je ne rêve que Toi
Tant à la veille que la nuit
Tu embellis mes songes
M’éblouissant de ton souris
Dans un tourbillon d’émotions
Qui m’ont damné

Océan de chaleur
Je ne veux que toi
Goutte à goutte
Creusant l’infini
Comme l’éclair qui sépare le ciel
Tu prends ma mains
Et le soleil s’étain

Comme un astre

Dans cet esprit
Hanté de rêves brisés
Claire et immaculée
Comme un astre
Tu te plais à me voir
Succombé
Dans ce jeux fantastique
Qu’est l’amour
Eblouis par nous même
Lascifs chevaux errants
Enveloppés de pureté
Pris comme un oiseau
Dans les mains
Comme une prière
D’un chant d’arbre en chœur

Leggero ti cerco

Ho raccolto i miei pensieri
come tante ombre
calpestate ed infangate
da un soffio eterno

Quanta inutile fatica
frammenti di giorni
come abissi invisibili
pronti ad inghiottire la notte

Entro scalzo
nella mia mente
leggero ti cerco
In ogni respiro
canta la vita

Mentre ascolto
Voglio assaporare
Stilla per stilla
Il dolore offerto
Da questo piacere

Sedermi qui
Ad osservare la luce
Dei miei pensieri oscuri

Mentre ascolto
Nel silenzio
I battiti
Del cuore della notte

 

Douce étrèinte
Ton subtil sourire délicat
m’envahit de pétales
habille mon âme
et pénètre
douce étreinte
impétuosité d’un appel
fine lumière d’étoile
qui fait trembler l’univers
Au seuil du paradis

Il pleut ce soir,
mais je suis comblé
j’ enterre les larmes amères
sous un couche de douceur
ni froid
ni peur
peuvent m’enlacer
seulement la clarté
d’un amour retrouvé

Rocher de mes jours solitaires
fais de moi tout ce que tu voudras
je m’abandonne à Toi
rien ne détruira notre passion

avec Toi
tout s’arrête…
au seuil du Paradis

j’ai dansé sous la lune

Pour enfouir cette morsure
étouffé de douleur
le cœur éperdu
et sanglant de bonheur
j’ai dansé sous la lune

En extase et en chantant
j’ai livré mes larmes
à l’éternel soupir du ciel
j’ai fabriqué des ombres
possédé par l’ennui
Suivant l’air qui s’en fuit
englouti par les murs
comme un chat solitaire
j’ai embrassé les flammes de la nuit

Ivre de Toi
j’ai inventé tes lèvres
pour éclairer ce cœur
qui cherchais à s’éteindre

 

Débordant de douceur

Ce soir ma plume glisse dans l’obscurité
Sans trop savoir pourquoi
Je crépite en débris
lançant un cri de joie
Et de tristesse infinie

Englouti
Par ce noir sombre comme l’ébène
Je ne cherche que Toi
Parmi toutes  les étoiles
Je n’en vois qu’une

J’attends
J’attends
Plongé dans ma cellule
L’espoir que le temps m’apportera
Se penchant sur moi

Laisse toi éclairer par la lumière de ces mots
Et dans tes bras j’attendrai  le jour se lever
Je gouterai  les larmes des tes yeux
Jour après jour

Océan de bonheur
Au bord de cette eau
Débordant de douceur

 

Toi ange et moi démon
Prends-toi soin de moi
Pour toujours
Comme une offrande
Je te donnerai des terres lointaines

Je glisserai l’amour  sans cesse
Au creux de te bras

Désarmé comme un jardinier
Devant la beauté d’une fleur inconnue

Jamais je plongerai dans l’aridité
De mots stériles

Rends-moi prisonnier
Dans les eaux profondes
De la passion

Toi ange et moi démon
Et mon âme déjà damnée
Ne brulera que pour toi

Madre

Piove su di me
sui miei sogni infranti
sull’asfalto che consumo
sui passi e sui ricordi
che non conto più

Piove nella mia anima
quando penso a te
alla tua voce che rincorro
negli anfratti della mente
e come un fiume scivola via

Piove quando le mie mani
affondano il vento
cercando invano le tue

Sei sempre presente
in ogni gesto banale
negli angoli
di questi giorni uguali
e terribilmente muti

 

Specchio

Specchio tu menti
La tua è solo apparenza
Ostenti rughe
Capelli bianchi
Qualche falso sorriso

Ma cosa ne sai tu di ciò
Che ho dentro
In me c’è un vulcano che esplode
Ogni momento

Ogni passo
Per me
è una conquista
Un disordine riordinato

Metto in fila i ricordi
E tu non ci sei
Riflesso mai nato

A Te

A Te che hai avuto il coraggio
Di affrontare ogni sfida

A Te che sei Conoscenza
Desiderio e varchi ogni confine

A Te che ci hai insegnato chi siamo
E a varcare ogni abisso

A Te che hai creato la Poesia
Principe ed Angelo di Luce

Lucifero
Afrodite

Vorrei assaporare il tuo profumo
Sapere cosa indossi in questo momento
Ascoltare il rumore dei tuoi passi incerti
E conoscere con Te i tempi del germoglio

E per Te disegnerei la notte
Scriverei sopra una pietra il tuo nome
Per gridarlo come le doglie di un parto

Ho lasciato l’aurora alle spalle
Fogli bianchi senza parole
Cerco solo la notte
Nel desiderio che plasma i miei sogni

Vorrei assaporare le tue labbra
Avvolgerti col silenzio delle mie braccia
perché Tu sei l’amore che dai
E non so

La tua voce
È la poesia più bella
Ti dipingo nell’aria
E sei cielo
Sei  Stella

Seppelliscimi nel tuo fuoco
Depreda  le mie occulte lacrime

Perdona il vortice della mia gioia
Ma la notte aspetto il giorno con te nella mente

E non so
Se rimanere sveglio a pensarti
o dormire per sognarti

 

Quando ti chiesi perché

Sei come una notte d’estate
e dipingi il mio cielo di stelle
riflessi di luna i tuoi occhi

sei la mia sete
l’ultimo raggio di sole
che accompagna la mia ombra
fino al mattino

sei il fiore che attendevo
quando ancora non esistevi
una fiamma sempre verde
che arde nell’anima mia

Quando ti chiesi perché
scegliesti me

piangemmo insieme
in un abbraccio di luce

 

La vita è…una partita

L’Arbitro alzerà la mano
Fischierà la fine della partita
Per alcuni avrai giocato bene
Per altri invece avrai sbagliato

Forse discuterai sull’esito
Sicuramente per te qualcuno avrà barato
L’asfalto era bagnato
Il tuo volto era sudato
Sei caduto più volte e più volte
Eppure ti sei sempre rialzato

I minuti rotolavano via
Come la palla che inseguivi
E così la vita e gli anni
Gli attimi e le ore

Ed ora tra il pianto e il sorriso
E una gran folla che ti saluta
Puoi finalmente toccare il cielo
Con i tuoi occhi innocenti
Il piacevole dolore della notte

Il piacevole dolore della notte
mi graffia dentro,
mi segue e cresce
come acqua che avanza
sulle mie orme.
Implacabile
s’infrange sui ricordi,
stilla lacrime di luce
e scolpisce nel nulla una
poesia.
Mi piace il tuo sorriso

Mi piace il tuo sorriso
Che contemplo dall’alba al tramonto
Quando assorto
Chiuso nei miei pensieri
Ritrovo in un bagliore di luce indeciso

Osservo la danza delle tue parole
Che ondeggiano come sospinte dal vento
Armoniose creature che scrivono nel cielo
Affondando nel mio cuore

Ti vedo anche nell’oscurità dei pensieri
Quando il sonno mi eclissa
E le mie mani accarezzano
Estasiate e assetate i riflessi di ieri
Sciogliendo nuvole

Un altro giorno
un altro tiepido sole

Giorni sparsi qua e là
negli anfratti del tempo

Abissi e stagioni
dipinti sulla mia pelle

Il dolce frugare nei ricordi
di voci ormai mute

Saluto i miei pensieri
su un piano inclinato

Sciogliendo nuvole
Al mattino

Non il suono di una parola,
solo lo scandire del tempo
e un campanile senza età.

Foreste di ricordi intrecciati
inseguono giorni affondati e non vissuti.

Nei mari dei giorni non navigati,
inaccessibili ormai come sguardi lontani,
Sole, ombre e luci sono coltelli affilati.
Toglimi tutto,
ma non togliermi il pianto;
come cascata di spuma
nell’angustia rinasco,
nella gioia perisco.

Io sono apparso alla Madonna

Un giorno di fuoco,
in cui le rondini sfidano il cielo,
popolato di echi lontani.

Migro e fuggo,
nella mia anima si rifugiano
sogni taciturni.

Canto nel vento,
mi rattristo al pensiero del risveglio
e di colpo, come un’onda,
m’infrango sulle rocce fredde.

Scavo nell’orizzonte,
cercando un approdo sicuro,
trasognato e controcorrente,
nudo, vago per il mondo.

Oggi, 11 luglio 2010
sono apparso alla Madonna.
Tutto si compie

Tutto si compie
Tutto arriva
La Sacra fiamma
Divorerà le paure

Ci dissolveremo in un ruscello
Vedremo sorgere un giorno di quiete
Come petali di un fiore reciso
Baratteremo il corpo con la Luce
Abbracceremo L’Altissimo o un Suo Vice

Impareremo a volare
Ritroveremo tutte le nostre Cazzate
Messe in fila per non dimenticare
Ogni giorno sarà come la notte di Natale

Siamo l’equazione di Dio
Espressione numerica di un fallimento
Una lacrima in una cascata
Foglie stanche piegate da un debole vento

 

La mia Stella eri Tu.

Ti ho dato quanto avessi da offrire.
Non ho risparmiato abissi, lacrime e sorrisi;

Ho accolto il Tuo dolore come fosse il mio.
L’ho aiutato a crescere e scemare;

Ho visto dentro di Te,
trovando  quiete e uragani nascosti;

La mia Stella eri Tu.
Insieme assaporammo il dolore dell’assenza.

Sarà un ricordo
Il suono delle Tue parole,
la melodia del Tuo respiro sul mio;

Mentirò al cuore,
soffocherò ogni grido,
chiuderò a chiave il rumore,
osserverò la mia angoscia
e la cullerò, rievocando ogni istante.

Forse non hai compreso
oppure hai capito tutto
accartocciando il passato
come un disegno venuto male
e buttato

Le nostre orme
sono ancora sulla piaggia,
di Luna scolpite e le vedi, le senti.
Le osservasti, hai temuto.

Doveva essere un gioco
Ed ancora lo è
Mentre getti via un sogno

Il Tuo silenzio mi ha chiuso
Rendendomi muto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*