Riflessi

nue

 

Una tempesta di sensi (sognandoti)

Ho percorso attimi infiniti
sognando il tuo corpo disteso sul mio
le tue dita come spighe sospinte dal vento
in una tempesta di sensi
ed io veliero sui tuoi fianchi
come aratro tra zolle assetate

E nell’attimo di un lampo senza fine
coglievo come primizie l’Alba e il Tramonto
risvegliandomi in un madido pianto
in una cripta di reliquie senza te

Quando sui banchi di scuola scrivevamo ” W LA FICA “

Col capo chino sui banchi a rivoltare parole
Scandendo i secondi della ricreazione
Mi attendeva il cesso di un grigio squallore
Nell’ordine equestre del gran Cicerone
Lampadari a palla pieni di mosche e farfalle
Dalle finestre le cime di alberi spogli
Mozziconi di gesso e un cornetto alla crema
Immerso per ore nell’inchiostro dei fogli
Mi perdevo in silenzio nella storia più antica
Nel regno indistinto dell’ombra autunnale
Scrivevo sul banco “W la fica”
Per tornare sui libri di nuovo a sognare

E SORRIDI

E sorridi
Sai che ti voglio
E sorrido
So che mi vuoi

Ti afferro deciso
Tra giochi di mani
Di lingue e di corpi

Saliva e umori
Alimento dell’anima
Tra labbra
Di sangue pulsante

Suggo il tuo nettare
Come un’ape
Ti sfioro e ti mordo
Mi sazio di Te

Schiava e regina
Legata e bendata
Sul mio letto
Non avrai scampo

Io onda e tu spuma
A placare la furia
Sulla sabbia del tempo
Di corpi mai sazi
E di sete infinita

E mi perdo
Ti perdi
Come aratro
Tra zolle assetate
Ruscello impetuoso
Percorro il tuo ventre

Le mie dita si insinuano
Scopro il tuo corpo
Lo percorro stupito
Goccia a goccia
Come stilla di rugiada
Tra le dita

PLAISIR INCONNU – Jean

Pour toi,
je chérirai l’enfer ;
Tu seras pour moi
lueur de soleil
rêve et émerveille ;

Ebréché par le silence,
les souvenirs du passé
ont dessiné ton image:
esquisse dissipé dans le brouillard
de ton absence.

Je cherche ta bouche
et je souffre d’un plaisir inconnu,
creusé dans un archipel de bonheur.

 

 

8 MARZO 2013

Ho resistito alla notte
Senza una stella da abbracciare

Astro oltre il buio
L’oscurità lo scrigno
Della mia anima

Demoni come sabbie mobili
Inventavano meraviglie
Per tenermi lontano da te

E la mia vita era ombra
Vedevo senza osservare
Vivevo senza volare

E quando credetti di annegare
Tra venti e maree
Arrivasti TU
Spuma del cielo, luce, DONNA.

 

Quand je verrai germer

je t’aime avec mes larmes
car Je ne peux te voir
ni te toucher

j’ai besoin de tes yeux noirs sur moi
du rayonnement de ta peau
de vider ce muet silence qui m’entoure

Je t’envie pour l’amour
que tu recois de ma bouche
et dont tu te nourris

Semant paroles
j’arrose ton jardin
que je verrai germer d’amour

 

Riflessi

Osservo in silenzio
dalla finestra
i riflessi della vita

Un caffè da sorseggiare
caldo come l’attesa di Te

Tutti i ricordi
hanno il tuo sapore

Sei nel sole radente
e nelle sue ombre ambrate

Scrivo sul vetro il Tuo nome
Che l’orizzonte invano nasconde

 

Attimi d’amore

Questa sera
Voglio abbracciarti in sogno
Ricordare il tuo dolce profumo

Perdermi nei tuoi capelli
Stringerti ed attendere l’alba
Accarezzandoti nel sonno

Questa sera
I pensieri si sommano
E mangio coriandoli colorati
Di gioia e di pianto
Senz’acqua deglutiti

Ti sfioro invisibile
Ti sento nel vento
Che dalla finestra
Scandisce attimi di amore

Questa sera

A Maria

Questa sera godrò di te
Ti assaporerò con le
labbra
Succhierò il Tuo nettare
divino
Questa sera ti stringerò
Viaggerò per mondi
lontani

Colorerò i miei sogni con Te
Mi calerò nelle
profondità
Dell’anima

Questa sera Tu ed io
Avvolti in una passione
Lontana

 

Frémissant

Ivre de Toi
De ce désir eternel
Qui m’enchaîne
Frémissant
Aux battement des ailes

De toutes les merveilles
Tu monopolises mon esprit
Chant mélodieux
Dans un tourbillon de folie
Tes pensées sont les miennes
Tes rêves débordent de douceur
Comme l’émotion
d’un platane rouge en fleur

Questa notte

Questa notte
la felicità ha un nome
Sei Tu

Non è successo nulla
stai tranquilla
solo che ti amo

E non ci posso far nulla

Sei nella pelle
e nell’aria
nei suoni di questo buio
che posso farci?

E non mangio
non bevo
non respiro
senza pensare a Te

E non ci posso far nulla

Poesie come coriandoli
semplici parole
da un cuore lontano

E non vivo
non muoio
mi lascio vivere

Se una nuvola

Se una nuvola dicesse:
“non sono nulla”
Non ci sarebbe il cielo

Se un poeta dicesse:
“scrivo solo poesie”
Non ci sarebbero i poeti

Se un pittore dicesse:
“i miei quadri finiranno in cantina”
Non ci sarebbero i pittori

Se un uomo dicesse:
“Non sono che un uomo”
Non ci sarebbe l’umanità

Ma tu sei unico
Sei il mondo

 

Frammenti di giorni

Ho raccolto i miei pensieri
come tante ombre
calpestate ed infangate
da un soffio eterno

Quanta inutile fatica
frammenti di giorni
come abissi invisibili
pronti ad inghiottire la notte

Entro scalzo
nella mia mente
leggero ti cerco

In ogni respiro
canta la vita

Pensieri oscuri

Voglio assaporare
Stilla per stilla
Il dolore offerto
Da questo piacere

Sedermi qui
Ad osservare la luce
Dei miei pensieri oscuri

Mentre ascolto
Nel silenzio
I battiti
Del cuore della notte

Douce étreinte

Ton subtil sourire délicat
m’envahit de pétales
habille mon âme
et pénètre
douce étreinte
impétuosité d’un appel
fine lumière d’étoile
qui fait trembler l’univers

Lascifs

Hanté de rêves brisés
Claire et immaculée
Comme un astre
Tu te plais à me voir
Succombé
Dans ce jeux fantastique
Qu’est l’amour
Eblouis par nous même
Lascifs chevaux errants
Enveloppés de pureté
Pris comme un oiseau
Dans les mains
Comme une prière
D’un chant d’arbre en chœur

 

j’ai dansé sous la lune

Pour enfouir cette morsure
étouffé de douleur
le cœur éperdu
et sanglant de bonheur
j’ai dansé sous la lune

En extase et en chantant
j’ai livré mes larmes
à l’éternel soupir du ciel
j’ai fabriqué des ombres
possédé par l’ennui

Suivant l’air qui s’en fuit
englouti par les murs
comme un chat solitaire
j’ai embrassé les flammes de la nuit

Ivre de Toi
j’ai inventé tes lèvres
pour éclairer ce cœur
qui cherchais de s’éteindre

Au seuil du paradis

Il pleut ce soir,
mais je suis comblé
j’ enterre les larmes amères
sous un couche de douceur

ni froid
ni peur
peuvent m’enlacer
seulement la clarté
d’un amour retrouvé

Rocher de mes jours solitaires
fais de moi tout ce que tu voudras
je m’abandonne à Toi
rien ne détruira notre passion

avec Toi
tout s’arrête…
au seuil du Paradis

E perdonami se ti amo

Ti parlerò dell’Amore vero
Quello difficile da lasciar andare
Quello che si apre all’Infinito
Che ti sussurra parole antiche

Mi basti Tu
Non chiederei altro al mondo
Perché lo avrei e sarebbe già tutto

E se non vuoi le parole
Ti regalerò la notte
E muti silenzi ad ascoltarti

Accarezzerò il tuo volto
Col mio dolore antico
Tingerò di colori ogni abbraccio
E sarà primavera ogni giorno

Né l’accoglienza della mia casa grande
O lo splendore del cielo infinito
Avrebbero senso
Senza il tuo profumo su di me

Tanta Poesia

Ho bisogno
di tanta poesia

per star bene
per capire
per sentirmi sazio
per vedere e sentire

Ho bisogno
di tanta poesia

per denunciare
i vostri errori

per estinguere
il fuoco
delle vostre bocche
col fuoco

Tristesse

Se sei triste
osserva la notte
toccala con l’anima
e cammina con lei.

Sulla corteccia del tempo

Guardami ora,
mentre scrivo il tuo nome
sulla corteccia del tempo.

Ho svuotato le ore e percorso destini
Incontrando la tua anima
Ho colmato ogni vuoto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*